MOBILITA’ VOLONTARIA - CRITICITA’ E DUBBI

Ha avuto luogo il 21 Aprile 2016 alle ore 11.00, la riunione convocata dalla Direzione del Personale Civile per informare le OO.SS. sui tempi e modalità riguardanti la nuova procedura di Mobilità Volontaria.

Inevitabilmente, come c’era da aspettarselo, al tavolo negoziale con la Direzione generale del Personale Civile, sono affiorati dubbi e perplessità sulle modalità del bando che, seppur in dirittura d’arrivo per i primi di maggio, precluderà la possibilità al Personale di prima Area di potersene avvalere. Nonostante previsto nel DM riguardante gli Organici del Personale, infatti, non è stabilmente menzionato nelle T.O.O. (Tabelle Ordinative Organiche) di Ente. In attesa delle comunicazioni dei dati base, predisposti dagli Organi programmatori, riteniamo che le vacanze organiche saranno determinate rispetto a quelle di recente emanazione, di cui non è stata data alcuna informativa alle RSU ed OO.SS. Territoriali.

A nostro avviso, i posti messi a bando, saranno limitati a causa dei ”tagli” operati alle posizioni vacanti stanti i  provvedimenti, già attuati e discendenti dalla Revisione dello Strumento Militare. La nostra proposta al rappresentante di SMD è stata quella di tener conto delle esigenze funzionali degli Enti, al fine di evitare l’esclusione di detto Personale, oltre a rivolgere un invito a tutti i presenti ad adoperarsi unitariamente per porre fine a un’ingiustizia che perdura da troppi anni.

Le OO.SS. durante il corso della riunione hanno stigmatizzato il comportamento della Direzione di Persociv, per non aver informato e coinvolto le stesse, sul notevole ritardo dell’applicazione del protocollo d’intesa sottoscritto il 25 settembre 2015. La Direzione del Personale, in parte ha attribuito le responsabilità agli Organi Progrmmatari per non aver alla data odierna comunicato le posizioni vacanti, distinte per Ente.  Abbiamo condiviso tale ferma posizione delle OO.SS. poiché non è tollerabile precludere le corrette relazioni sindacali su cui lo stesso Organo Politico, ha più volte dichiarato che qualunque tipo di provvedimento, debba essere partecipato con le OO.SS. Non è casuale che l’O.S. USB Difesa, evidenziò in una nota all'attenzione del Sottosegretario, la necessità che tale protocollo avesse carattere sperimentale al fine verificare e risolvere le eventuali criticità derivanti dalle reali esigenze del Personale.

Al termine della riunione particolare risalto è stato dato alle due recenti circolari emanate da Persociv, acquisibili sul sito. La prima riguarda l’innalzamento della permanenza nella sede di assegnazione da 1 a 3 anni, per il Personale Militare transitato nei ruoli Civili, la seconda relativa ai benefici pensionistici derivanti da supervalutazione di periodi di servizio di lavori insalubri, polverifici e imbarchi.

Per entrambe le circolari è stato chiesto il ritiro con riserva di richiesta di intervento del vertice Politico del Ministero.

Mercoledì 27 aprile, al fine di evitare i ricorsi da parte del personale interessato, il Direttore ha convocato le parti sociali per discutere nel merito dei contenuti riportati  nella circolare riguardante i benefici pensionistici per lavori insalubri.

Vi terremo aggiornati.

Coordinamento Nazionale USB Difesa