Riapertura ex Scuole Allievi Operai e l’illusione del ricambio generazionale

 

COMUNICATO STAMPA

Tra i tanti motivi per essere incazzati, come personale civile della Difesa, fanalino di coda della Pubblica Amministrazione, nonostante assoggettato ai rischi derivanti dallo stato di allerta, non è da sottovalutare quello che da anni abbiamo più volte sottoposto ai Governi che si sono succeduti, ossia l'età media di un Lavoratore di un Arsenale o stabilimento Militare della Difesa che è oltre 55 anni. Come sindacato di Base USB, abbiamo più volte chiesto la riapertura delle ex Scuole Allievi Operai al fine di offrire una possibilità di impiego ai tanti giovani.

Tale proposta, completamente a costo zero, in considerazione che la formazione professionale sarebbe stata a carico degli stessi Lavoratori attualmente in servizio della Difesa, dotati di elevata capacità professionale e vogliosi di trasferire il loro elevato bagaglio professionale e culturale ai nostri ragazzi, non ha trovato alcun riscontro anche da parte di questo Governo che pensa di allungare l'età pensionabile, diminuendo di fatto la possibilità per un ragazzo di trovare lavoro.

Non c’è giustificazione che tenga per attuare una proposta che eviterebbe sempre più l’affidamento a Lobby esterne che, in materia di professionalità, hanno mostrato molti limiti in quanto l’elevata Professionalità del Personale Civile è stata considerata tra le Eccellenze dallo stesso Ministro della Difesa, Sen. Roberta Pinotti.

(in allegaqto pdf dell'articolo, completo di Decreto Legislativo 15 marzo 2010)
  
                   
Coordinamento Nazionale Difesa