Unione Sindacale di Base

Logo Unione Sindacale di Base

Pubblico Impiego - Ministero della Difesa

 


Congresso 2013Congresso 2013Dipartimento Servizi USBCaf Servizi di BaseRete Iside Cartina Italia Cliccabile

CONTINUA L'INCUBO DEL CEDOLINO UNICO EMESSO DA NoiPA.


Roma – mercoledì, 13 marzo 2013

Continuano gli incontri con lo Stato Maggiore Difesa sullo stato dei lavori per risolvere le problematiche di calcolo delle buste paga innescate dal transito al sistema NoiPA del MEF della gestione degli stipendi del personale civile dell’ area tecnico-operativa.

Seppur lo SMD asserisca che le buste paga di marzo non dovrebbero più contenere errori, aspettiamo di verificare che il lavoro svolto dalla Difesa e dal MEF porti all'effettiva quanto agognata regolarizzazione.

USB Difesa, oltre a rappresentare le molte problematiche segnalateci dagli enti e dai lavoratori, ha diffidato l'Amministrazione a protrarre ulteriormente questo stato di criticità e ha intimato il ricorso ad iniziative di tutela legale rivolgendosi all'organo competente in controversie del lavoro - il giudice del lavoro - per la soluzione del contenzioso, poichè il rapporto dei dipendenti con il proprio datore di lavoro - il Ministero della Difesa - è regolamentato dal CCNL del Comparto Ministeri, sia per la parte giuridica che economica.

La riunione è stata aggiornata al 25 marzo.


Le buste paga dei dipendenti civili della Difesa, confezionate dal Ministero dell'Economia e Finanze, continuano a mostrare evidenti problematiche di calcolo degli importi.

Seppur l'Amministrazione Difesa è impegnata a segnalare al MEF gli errori delle spettanze che risultano essere attribuibili a circostanze di tipo tecnico, i cedolini del mese di febbraio e marzo continueranno a presentare "anomalie" per l'errata o totale mancanza di alcune voci che compongono il nostro corrispettivo stipendiale.

La riunione svoltasi nel pomeriggio di ieri tra lo Stato Maggiore Difesa e le OO.SS. ha evidenziato ancora, e più chiaramente, i punti di caduta e le difficoltà nel dare certezza del corretto calcolo effettuato dal MEF per le competenze.

Nel nostro intervento, USB Difesa ha rimarcato la necessità di sollecitare gli Uffici Amministrativi opernati negli enti a farsi carico di trasmettere tempestivamente le segnalazioni per gli errori riscontrati nel calcolo della busta paga dei dipendenti ai nuclei costituitisi e operanti presso ogni Forza Armata.

Per permettere questo e far emergere al più presto tutte le anomalie di calcolo, abbiamo proposto la consegna della busta paga elaborata dal BDUS della Difesa ai dipendenti (non è previsto alcun costo per questa operazione) per permettere agli stessi il confronto delle singole voci e importi, segnalare le eventuali difformità all'Ufficio Amministrativo e permettere alla stessa Amministrazione Difesa di intervenire sul MEF per i dovuti e definitivi aggiustamenti.

La nostra proposta, seppur trovando tutte le OO.SS. favorevoli, non è stata accolta con entusiasmo dal gen. Marsiglia che si è riservato di valutarne l'efficacia.

In questa situazione d'incertezza, USB Difesa ha ribadito la necessità di operare in tal senso, come ultima spiaggia, per accellerare questo processo di verifica e permettere finalmente ai dipendenti di utilizzare l'applicativo NoiPA senza incertezze, ricordando che le scelte fatte a suo tempo dal MEF di esternalizzare pezzi di servizi compresi quelli informatici, prima tutti sviluppati e gestiti all’interno del ministero con proprio personale qualificato, hanno determinato la lievitazione dei costi senza alcun beneficio aggiuntivo per l’utenza e per la Pubblica Amministrazione.

Nell'attesa che il gen. Marsiglia ci faccia sapere l'esito della sua valutazione, proponiamo a tutti i lavoratori di pretendere la consegna della busta paga elaborata dal BDUS dai propri Uffici Amministrativi e, nel caso di rifiuto, sollecitare la RSU e le OO.SS. locali affinchè si faccia carico di rappresentare questa richiesta al Comandante che necessariamente dovrà assumersi l'impegno di rappresentare l'esigenza all'Organo Programmatore.


Oggetto: Gestione stipendiale via NoiPA. Punto di situazione al 19 febbraio 2013.

1. Gli “scostamenti” rilevati con le competenze di gennaio 2013 a seguito del passaggio alla gestione “cedolino unico” NOIPA, hanno comportato interventi già a partire dalle competenze del mese di febbraio e saranno portati a termine con quelle di marzo 2013.

2. Con le competenze di marzo 2013 risulterà attuato l’allineamento tra quanto  corrisposto teoricamente dalla Difesa e quanto effettivamente corrisposto da NOIPA. Eventuali errori di computo (che non possono essere esclusi a priori), sono da ritenersi episodici e non riferiti alla generalità dei casi e saranno gestiti attraverso la catena amministrativa delle F.A./C.C..

Con le competenze di marzo 2013 le variazioni allineate risultano riferite a:

- indennità di amministrazione/giustizia, bilinguismo assegni familiari, ecc.;

- incrementi retributivi per malattia dipendente da causa di servizio: gli incrementi saranno inglobati nella Retribuzione Individuale di Anzianità;

- detrazioni fiscali (coniuge/familiari a carico/lavoro dipendente);

- trattenute (terzi creditori, prestiti, pignoramenti ecc..);

- ritenute Sindacali. A tal riguardo, la situazione al momento in atto vede, a fronte di 12.900 deleghe sindacali, n. 11.700 variazioni effettuate dal sistema NOIPA.Risultano pertanto al momento non effettuate 1.200 ritenute sindacali la cui regolarizzazione avverrà entro il mese di marzo 2013.

3. Deleghe sindacali: la procedura da adottarsi, indicata da NoiPA, risulta la seguente:

- gli Uffici amministrativi/personale presso i quali il dipendente presta servizio acquisiscono le relative deleghe ed invieranno le variazioni alla Banca Dati Unica Stipendiale (BDUS) che provvederà a comunicarle mensilmente a NOIPA per i conseguenti adempimenti amministrativi;

- le Rappresentanze Sindacali avendo effettuato autonomamente l’accreditamento presso NOIPA, potranno acquisire le relative credenziali e scaricare direttamente dal sito di NOIPA l’elenco del personale assoggettato a trattenuta.

4. Personale senza IBAN. Il sistema NOIPA gestirà il personale secondo la seguente procedura:

- competenze superiori ai 1.000 euro: il personale riceverà gli emolumenti a partire da febbraio 2013, solo se comunicherà un codice IBAN. Personale che risulta interessato: n. 2 unità;

- competenze inferiori ai 1.000 euro: il personale potrà riscuotere gli emolumenti di febbraio 2013 e seguenti, presso qualsiasi Ufficio Postale attraverso, i Codici Registrazione Operazione (CRO) comunicati da NoiPA tramite i Capi Servizi Amministrativi. Personale che risulta interessato: n. 3 unità;

5. Terzi creditori: il numero di variazioni ha riguardato 50.000 inserimenti.

Di questi circa 27.000 sono stati effettuati da NoiPA già nelle competenze di gennaio. I restanti (23.000) sono stati effettuati con gli stipendi di febbraio/marzo 2013.

Per quanto attiene specificatamente ai versamenti di quanto dovuto ai terzi creditori, le F.A., attraverso i servizi amministrativi periferici, si sono fatte parte dirigente per accreditare agli aventi titolo quanto dovuto.

Con le competenze di marzo 2013, saranno operati i relativi recuperi a carico del personale interessato.

6. Personale congedato mese di gennaio che ha percepito sia lo stipendio sia la pensione (o lo stipendio non dovuto a causa di sospensioni, etc).

Il recupero sarà operato attraverso rapporti tra i Servizi Amministrativi e le relative banche. Personale interessato n. 15.

Rss

USB - Pubblico Impiego - Ministero della Difesa : difesa@usb.it

© 2004-2013 Unione Sindacale di Base - viale Castro Pretorio 116 - ROMA - centralino 06.59640004 - fax 06.54070448

Realizzazione by Gruppo Web USB -  Powered by Typo3