NO MONTI DAY: Il 27 Ottobre tutti a Roma. Corteo ore 14 da P.za della Repubblica.

Roma -

Il 27 Ottobre a Roma andrà in onda l'unica manifestazione contro Monti e le sue politiche antipopolari: è necessario che i lavoratori diano un segnale forte e deciso che dica no al governo Monti, alla desertificazione del lavoro e alla schiacciasassi Fornero.

In questi giorni si sta consumando l'ennesima rapina ai danni dei lavoratori.

Ecco le ultime “perle” del governo Monti:

  • aumento del'IVA che pesa soprattutto sui redditi bassi e sui disoccupati e che non è neanche compensato dalla riduzione dell'IRPEF;

  • blocco ulteriore dei contratti del pubblico impiego e della pur misera “vacanza contrattuale”;

  • nuovi tagli all'occupazione a partire dai 4.000 esuberi all'INPS (mobilità e prepensionamenti) e dagli oltre 6.000 insegnanti come conseguenza dell'aumento dell'orario di lavoro settimanale;

  • tagli al lavoro che si sommano ai milioni di disoccupati, ai cassaintegrati, ai lavoratori in mobilità che nel settore privato si moltiplicano ormai quotidianamente;

  • drastica riduzione delle deduzioni e delle detrazioni, con un franchigia di 250 euro ed un tetto massimo di 3.000 annuo, retroattiva, cioè calcolata a partire dall’anno in corso e che si traduce in un ulteriore forte aumento delle tasse.

Questi provvedimenti non saranno comunque sufficienti a pagare i circa 50 miliardi che Monti si è impegnato a far pagare agli italiani dal 2013 e per i prossimi 20 anni.

Il famigerato Fiscal Compact che rappresenterà una vetta insormontabile per il paese e che porterà alla fame milioni di italiani come è già accaduto in Grecia e sta per accadere in Spagna e Portogallo.

Ci saranno così nuove tasse ogni anno, nuovi sacrifici, nuovi tagli ai servizi ed allo stato sociale, nuove svendite di patrimonio pubblico, di aziende e servizi, mentre la lotta all'evasione, alla corruzione e la riduzione dei costi degli armamenti rimangono lettera morta.

Questi ultimi provvedimenti non sono certo un fulmine a ciel sereno e sommati alle leggi ed alle misure dell'ultimo anno che hanno colpito il lavoro ed il sociale, con il più o meno tacito assenso di Cgil, Cisl, Uil e Ugl, disegnano uno scenario terrificante e senza futuro per milioni di giovani e meno giovani.

- Aumento dell'età pensionabile

– Aumento delle tasse e dell'inflazione

– Diminuzione del potere d'acquisto di salari e pensioni

– Blocco dei contratti e cancellazione del CCNL

– Riduzioni di servizi e stato sociale

– Aumento della precarietà

– Libertà di licenziamento con la cancellazione dell'art. 18

– Privatizzazioni

– Fiscal compact per pagare un debito che non abbiamo prodotto e che ci costringerà a nuovi enormi sacrifici

- Spending Review che significa licenziamenti e tagli ai salari.

Per tutto ciò saremo per le strade di Roma a protestare contro Monti: e saremo tanti!

Contattate le nostre sedi in tutte le città per organizzare il viaggio a Roma.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni